Festa  della  Donna

 

(clicca sulla foto per ingrandirla)

 

 

Centrotavola con gigli e mimose all'uncinetto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Boccia di vetro con giglio, roselline realizzate all'uncinetto e mimosa

diametro cm 12,5 x 13 cm h

 

Segnaposto con roselline in carta crespa e mimosa h cm 21

 

 

Cofanetto decorato decoupage con roselline e mimosa cm 15 x 15 

 

Composizione floreale rose e margherite giallo, giallo chiaro e arancio diametro cm 19 x 26 h

 

Segnaposto margheritine con mimosa cm 21

 

Segnaposto con roselline e mimosa cm 21

 

Cesto floreale in balsa...calle, campanelle, gigli,mimose, rose e fiorellini con perle

 cm 30 larghezza x 25 altezza

Tralcio roselline ad uncinetto con mimosa h cm 35

 

Tralcio roselline di cartacrespa con mimosa

 h cm 35

Composizione floreale murale in legno decorata decoupage cm 18 x 18 x 7

 

 8 Marzo

Oltre al valore e significato storico di questa data, l'8 marzo è diventato giorno di festa, un momento da passare con le amiche del cuore e fare qualcosa di diverso, lasciando i "maschi" a casa. Si organizzano cene e feste, insomma una giornata da trascorrere allegramente all'insegna del colore giallo e del profumo inebriante della mimosa, fiore dall'aspetto delicato ma che nasconde forza e vitalità; per questo è simbolo di forza e femminilità.

Nel linguaggio dei fiori la mimosa simboleggia l'innocenza, la libertà, l'autonomia e la sensibilità.

Un pensiero per tutte le donne che devono imparare a sostenere le loro ragioni, senza lasciarsi imporre cose che non desiderano (e qui penso alle donne africane ed all'odiosa e barbara pratica dell'infibulazione, alla lapidazione in caso di adulterio e a molte altre ingiustizie)......

Un pensiero per tutte le donne che ogni giorno si dedicano alla famiglia e spesso vengono maltrattate ed il cui ruolo di casalinga è considerato di poco conto e insignificante.....

Un pensiero per tutte le donne che oltre ad occuparsi della famiglia, lavorano anche fuori casa, sobbarcandosi di un secondo lavoro, la cui stanchezza viene spesso criticata e non capita......

La festa della Donna deve essere un' occasione per riflettere maggiormente, per cercare di cambiare, per lottare in modo da ottenere maggiore libertà ed evadere dalle nostre personalissime "prigioni".

Un augurio a tutte voi....che mi avete donato un attimo del vostro tempo.

Mary

 

 

Le origini 

8 marzo una data che risale al lontano 1908, a New York, in un industria tessile dove 129 operaie dopo aver scioperato per alcuni giorni contro le orribili condizioni in cui erano costrette a lavorare persero la vita (arse vive dalle fiamme) perchè il proprietario Mr. Johnson, bloccò tutte le porte della fabbrica per impedire loro di uscire.
In seguito, questa data, venne proposta come giornata di lotta internazionale, a favore delle donne, da Rosa Luxemburg, proprio in ricordo della tragedia.

 

 

Cos'è l'infibulazione


Con il termine si intende una procedura mutilativa con la quale la vagina viene parzialmente chiusa con una sutura e durante il processo di guarigione viene inserita nella vagina una scheggia di legno per poter permettere il passaggio dell’urina e del sangue mestruale. Secondo i vari costumi, la ferita viene cucita con un filo di seta o con delle spine d’acacia.
Per aiutare la guarigione vengono arse sotto la ragazza delle erbe aromatiche tradizionali o della linfa essiccata, che sono spesso causa di infezioni violente. In seguito all’operazione, le gambe della ragazza vengono legate e lei viene immobilizzata per diverse settimane finchè la ferita della vulva non guarisce. Gli strumenti per compiere l’infibulazione sono spesso coltelli, lame di rasoi, forbici e pezzi di vetro. L’anestesia non viene quasi mai praticata.
Viene praticata per conservare la verginità prima del matrimonio e dopo il matrimonio la sutura viene rimossa per consentire di consumare il matrimonio dopo di che viene reinfibulata dopo ogni parto per ripristinare la situazione prematrimoniale.

 

 L'angolino delle nostre riflessioni

Quando mi ritrovo sola , quando fuori tutto tace, i ricordi fanno capolino, i pensieri si accavallano, in ogni pensiero che la mente partorisce c'è un ricordo e nel ricordo mi sembra di volteggiare oltre il confine della mia immaginazione e mi sento in pace. Sono il sole che asciuga il dolore di non poter essere ciò che vorrei, sono la muta autrice del mio dolore e della mia gioia. Non posso sempre essere un cielo limpido d'estate, mi aggirerò ancora infreddolita nella città addormentata, ma la fiducia nel giorno che verrà, lo renderà speciale, con gioie e dolori, sorrisi e rancori.

Rannicchiata nei miei pensieri, finalmente, mi separo da ciò che non sono e da ciò che non dirò e mi lascio avvolgere dal manto della notte che non è stata mai così tanto bella. 

Mary


Quando qualcuno sembra lento, 
e lento in una certa direzione, 
e non lo è perché manca di vita, 
ma perché sta facendo qualcos'altro. 
E ciò che sta facendo 
è ciò che ha bisogno di fare. 
Può essere qualcosa 
di cui non è conscio. 
Ma noi siamo inconsapevoli 
di molte realtà della nostra vita. 
In quell'uomo c'è la stessa vita 
che è in ogni cosa. 

Cristina

Sito creato e gestito da mary@nosolofiori.com Copyright©2004 di nonsolofiori.com

Tutte le foto dei lavori e il contenuto che trovate in questo sito Web,
sono di proprietà dell'autrice e protetti dalle leggi sul Diritto d'Autore.
Chi volesse scaricare alcune fotografie per uso pubblico, no-profit e' pregato di scrivere all'indirizzo mary@nonsolofiori.com
 

Home page