Le  interviste  di  Nonsolofiori

Racconti di vita quotidiana … quando la fantasia prende forma ed è tinta di rosa ...

 

 

 

 

 

 

 

 

 Ilenia e Roberta raccontano la loro arte: Bijoux,  pizzi macramè e non solo

 

Il vostro nome?
Ilenia e Roberta
nome marchio :
Ile Roby bijoux

Qual è la vostra città?

Ilenia: Gavoi

Roberta: Nata a Nuoro, ma vivo a Cagliari per motivi di studio

Che professione svolgete?

Ilenia: In teoria ingegnere edile, in pratica disoccupata

Roberta:Studentessa in ingegneria

Qual è il vostro hobby? Quali tecniche utilizzate per le vostre creazioni?

Ilenia: Creare bijoux, poi appassionata di calcio, infatti sono arbitro di calcio a 11

Roberta:Amo creare bijoux, la fotografia e viaggiare

Abbiamo iniziato a creare bijoux inizialmente con il semplice assemblaggio di pietre e poi con il punto forte della nostra collezione, il cotone lavorato a l'uncinetto e pizzi macramè

Avete un blog o un sito web?

Facebook : https://www.facebook.com/ilerobybijoux
Blog :
http://ilerobybijoux.blogspot.it/
e-mail: ilerobybijoux@gmail.com

Raccontatemi come vi siete accostate a questo hobby e quale è stata la vostra  prima creazione

Ile Roby bijoux nasce tre anni fa quello che inizialmente era per noi un semplice passatempo, si è trasformato con il passare dei mesi in una passione sempre più crescente, passione che ci ha portate a dar vita a degli accessori che potessero essere allo stesso tempo splendidi, unici e soprattutto accessibili a tutti.
Gli orecchini all’uncinetto nascono per caso, grazie all’idea di una nostra amica e all’aiuto delle nostre madri che ci hanno insegnato questa tecnica di lavorazione.

Ilenia: La passione per gli orecchini mi ha portato ad imparare a crearli in modo da averne tantissimi e personalizzati. La mia prima creazione: un paio di orecchini con pietre fucsia e charms

Roberta: la mia prima creazione risale a 4 anni fa, un paio di orecchini assemblati con delle pietre blu.

La vena creativa era già viva dentro di voi o l’avete scoperta col tempo?

Ilenia: Sono sempre stata un’amante della creatività… Da piccola mi piaceva dipingere la ceramica e il vetro e fare le presine per la cucina e i vestitini per la barbie con l’uncinetto. Ora utilizzo questa dote per gli orecchini J

Roberta: è sempre stata dentro di me, passione che ho ereditato da mia madre

 

 

  Cinzia racconta la sua arte:uncinetto, pasta sintetica e non solo

Come ti chiami?

Cinzia

Qual è la tua città?

Roma

Che professione svolgi?

Controller in una azienda editoriale

Hai un blog o un sito web?

Ne ho aperto uno da poco: www.ilgiardinodiflora.blogspot.com  

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

I miei hobby sono tanti, spaziano dall’uncinetto alla pasta sintetica, dal kumihimo a vari tipi di telai.

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

 Il primo hobby che ho coltivato è stato l’uncinetto: a dieci anni ho realizzato, per una mostra scolastica, la mia prima tovaglietta americana di cotone rifinita con un bordino realizzato proprio con questa tecnica.

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

E’sempre stata dentro di me.

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Grazie ad internet ho avuto modo di conoscere una moltitudine di persone creative. Sono tantissime, e molte le tecniche più svariate che usano per realizzare, a mio avviso, veri ed originali capolavori. 

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Sono risorse preziose che ti aiutano  a vivere la realtà al meglio. Compatisco chi non ha la fortuna di possederle. 

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

 Durante i miei momenti creativi mi estraneo completamente dal mondo che mi circonda, mi immergo in una dimensione che è solo mia e che mi permette di sgombrare dalla mente  tutti i pensieri e i disagi del momento.

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Sincerità, lealtà e coerenza.

Hai un sogno nel cassetto?

Rimanere chiusa per un tempo lunghissimo in una enorme stanza piena di gomitoli di lana e cotone colorato, ferri, uncinetti, telai e chi più ne ha più ne metta per poter creare, creare, creare, e ancora creare.

 

Francesca racconta la sua arte: Cucito, knit e uncinetto

Come ti chiami?

Francesca Giorgetti

Qual è la tua città?

Genova da 13 anni ma sono nata e cresciuta in provincia di Ancona

Che professione svolgi?

Mamma

Hai un blog o un sito web?

www.lavoralalana.blogspot.com 

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Cucito, knit e uncinetto, nell’ultimo periodo mi sono data al cucito per abbigliamento

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

Ho imparato a fare la maglia e l’uncinetto da bambina grazie alla mamma, e da adolescente ho iniziato a farmi cappellini e ad attaccare bottoni per guarnire jeans e quant’altro. Poi sono passati anni di fermo, ma negli ultime ¾ ho ripreso a creare.

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Era già viva, vivissima!

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

C’è creatività ma non tutti hanno tempo di fermarsi a goderne.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

E’ la benzina della vita

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Il tempo vola, e una volta ultimato il lavoro ho una voglia matta di condividere il risultato con qualcuno, è così che è nato il blog e poi la voglia di fare mercatini

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Positività, tolleranza e ... boh!

Hai un sogno nel cassetto?

Aprire un negozio dove poter creare e vendere i miei lavori

 

  Maria racconta la sua arte: scolpire la pietra, terracotta e decorare

Come ti chiami?

Innanzi tutto Grazie per questa opportunità che dai a noi tutte, Mary

Davvero intelligente creare uno spazio del genere sul tuo sito.. ottimo anche per una maggiore visibilità nostra e tua.

Il mio nome è: Maria Patruno e ho 45 anni compiuti da pochi giorni

Qual è la tua città?

Vivo a Molfetta  in provincia (nord) di Bari

Che professione svolgi?

Al momento nessuna ma mi impegno in molte cose, retribuite e non…

Hai un blog o un sito web?

Sì, www.myspace.com/lamejodellachat 

indirizzo e-mail:  patmiryam@alice.it

su FB mi trovate col mio nome e entrate nel mio spazio  potreste richiedermi amicizia o semplicemente guardare le mie foto artistiche e non..

da poco anche  su:

http://www.hobbyeart.it/index.php?option=com_content&task=view&id=914&Itemid=232

oppure su

http://picasaweb.google.it/ngdecoupage/SUONAREPREGOMiryam#

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Creare creare creare e cercare di inventarmi cose nuove  e /o diverse dalle solite cose che si vedono in giro

Mi piace scolpire la pietra “tenera” (quella delle cave di Carovigno – BR )

Creare con la terracotta, decorare gli stampi di gesso che produco e

tanti altri dove la fantasia e la materia possano prendere un nuovo corpo.

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

tutto è nato per caso quando dovendo rinunciare ad un’altra mia passione ( il teatro) ho dovuto restare nella mia città

a fianco di mia madre e non sapendo stare con “le mani in mano” ho voluto imparare a creare con la cartapesta che in quel momento mi sembrava un po’ complicata per me J e così  ho visto che  con acqua farina e sale si poteva pasticciare qual cosina senza andare a cercare materiali e chissà che …

la mia prima “sculture in pasta di sale è stata una  piccolissima composizione di frutta  e da li ho capito che  nelle mie mani si nascondeva ben altro………..

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Ero una schiappa  a scuola sia in disegno che in decorazione

ma da circa 15 anni  ho capito di voler fare l’artista……. Spero di riuscire a realizzare dei progetti che ho in mente

intanto ho un laboratorio hobbistico che intravedete nel mio spazio web su myspace

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Non saprei dare un giudizio in quanto ognuno di noi vede il mondo a modo suo  e lo esprime in modo personalissimo nelle proprie creazioni

Non posso dire che  quello che faccio io  è migliore di ciò che fanno altri e/o viceversa

Dal + grande artista al + piccolo ci sta una ragione nascosta che si cerca di comunicare

Poi se si diventa “grandi” e/o  popolari  lo si deve anche alla fortuna di incontrare sulla propria strada qualcuno che vede nelle tue opere qualcosa di “grande”

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Tantissimo prima la fantasia e poi la creatività

La seconda  conseguenza della prima ( secondo me)

Dove si posa il mio sguardo il + delle volte trovo  un modo diverso di poter immaginare realizzato qull’oggetto

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Nessuna in particolare, mi sento portata a trasformare  e a creare

molte volte creo senza saperlo… nel senso che le mie mani vanno da sole e solo dopo che ho terminato mi rendo conto di cosa ho combinato ( ahaha  e molte volte combino macelli !!!) ehehehe

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Onestà, rispetto e ….simpatia

Hai un sogno nel cassetto?

Un sogno è un po’ grande come parola o per lo meno forse non ne ho uno tale da chiamarsi così

Comunque mi piacerebbe realizzarne una personale con creazioni davvero uniche, particolari e comunque con una finalità (dell’oggetto) non fine a se stesso, cioè mi piacerebbe realizzare oggetti artistici che abbiano comunque una loro utile finalità

  Elisabetta racconta la sua arte: gnometti con fimo e cernit

Come ti chiami?
Elisabetta …. per gli amici degli gnomi, Elibbeth

Qual è la tua città?

Roma

Che professione svolgi?
Web designer specializzato in Flash (di questi tempi più che altro ci provo a svolgere questa professione)

Hai un blog o un sito web?
Sì, http://www.gnomettidielibbeth.net/ 

indirizzo e-mail: elibbeth@yahoo.it

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?
Il mio hobby è creare gnometti modellando delle paste sintetiche come fimo e cernit che poi cuocio al forno.

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione
Tramite un’amica che aveva un negozio dove vendeva fate, gnomi, folletti di tutte le marche.
Aveva anche in vendita delle fatine fatte artigianalmente da una signora; questa mia amica mi consigliò di provare
a cimentarmi sull’utilizzo di queste paste. Le mie prime creazioni furono veramente orrende! Inoltre applicai un lucido sbagliato
su questi primi bruttissimi gnomi che rimasero appiccicosi per giorni, giorni…

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?
Mah…io penso che la vena creativa ce l’abbiamo tutti…c’è chi gli da più ascolto e chi meno…chi l’allena e chi no

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda
Bhé se parliamo del mondo che gira intorno a tutte quelle persone che cercano di portare avanti le loro passioni,
è molto bello e vario…forse gli artisti ed artigiani dovrebbero essere ricercati di più ed andrebbe più valorizzato
il loro lavoro.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?
Sono molto importanti, una vita senza creatività e fantasia, è una vita spenta.

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?
Ma di solito inizio un po’ con l’ansia di capire cosa voglio creare, e mi vengono mille idee… poi l’istinto
e le sensazioni del momento ti guidano

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano
Dicono che sono buona….e sì forse vorrei un mondo un po’ più fiabesco... sono una persona sensibile, attenta alle cose
ed al mondo che mi circonda…mi piacerebbe sorridere spesso…perché il buonumore aiuta sempre…quindi diciamo
che sarei tendenzialmente ottimista

Hai un sogno nel cassetto?
Ne ho tanti come tutti….riguardo gli gnomi, sarebbe un bel sogno avere un laboratorio mio dove cimentarmi a studiare
sempre di più i soggetti e magari che ne so…vivere discretamente, creando gnometti!

 

 

  Germana racconta la sua arte: personaggi fatati con il cernit e il fimo

Come ti chiami?

Germana

Qual è la tua città?

Como

Che professione svolgi?

Artigiana

Hai un blog o un sito web?

http://mindi64.blogspot.com/ 

indirizzo e-mail:  mindi64@yahoo.it

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Per me è molto più che un hobby creare personaggi fatati con il cernit e il fimo.

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

Ho sempre amato i lavori manuali, sin da bambina: maglia ricamo e uncinetto sono stati i primi passi; poi sono passata al disegno, ma la mia vera passione sono sempre state le sculture e i materiali come creta e argilla, partendo dalle statuine per i presepi scolastici per poi trovare un mio modo espressivo con il fantasy e le caricature.

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Creare, modificare, riciclare sono parte del mio modo di essere.

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Ho la fortuna di conoscere molti ottimi artigiani e artisti …ma vedo anche molta
approssimazione e un uso perlomeno improprio della parola creativo.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Sono essenziali.

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Amo moltissimo creare i miei “bimbi”: è un po’ guardarmi allo specchio mentre sono felice.

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Onestà, capacità manuale e capacità di visualizzazione.

Hai un sogno nel cassetto?

Avere una mia “firma “ ufficiale.                                                                    CLICCA  SULL'IMMAGINE QUI SOTTO PER VISUALIZZARE IL VIDEO

 

 

  Anna racconta la sua arte: Miniature - tecnica Fimo/cernit

Come ti chiami?

Ciao a tutti mi chiamo Anna Maltauro

Qual è la tua città?

Abito in un paesino di montagna, Recoaro Terme

Che professione svolgi?

Sono un analista di laboratorio

Hai un blog o un sito web?

www.annamaltauro.it 

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Il mio hobby sono le miniature in scala 1:12. In particolare faccio mini cibo, ma anche ambienti in miniaura. Le tecniche sono quelle riguardanti il fimo/cernit. Per ora sono un autodidatta visto che ho iniziato da poco e non ho potuto fare ancora dei corsi veri e propri

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione.

All'inizio, un anno fa circa, ho iniziato realizzando tegole decorate, poi in fiera "Abilmente" a Vicenza ho visto la presentazione di Miniaturitalia e da lì mi si è aperto un mondo nuovo. :-)

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Prima ancora di iniziare a parlare andavo in giro con i colori in mano e disegnavo in qualunque superficie possibile della casa :-)

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Per me è molto importante, ma la CREATIVITA' è una cosa   che va a momenti, bisogna saperli cogliere ...

la mia vita si basa sulla fantasia

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Quello che conta è il risultato e le facce delle persone che guardano i lavori terminati :-)

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

FANTASIA - CREATIVITA' -  PRECISIONE

Hai un sogno nel cassetto?

Avere un'idea che mi porti a qualcosa di importante

 

 

Susy racconta la sua arte: uncinetto, chiacchierino, bijoux e tanto altro ancora ...

Come ti chiami?

Ciao a tutte le utenti di Nonsolofiori, mi chiamo Susy e ringrazio Mary per questa simpatica iniziativa!

Qual è la tua città?

Sono nata in provincia di Bari ma da circa 10 anni vivo a Policoro, in provincia di Matera dove mi sono trasferita per lavoro.

Che professione svolgi?

Sono un tecnico di laboratorio chimico.

Hai un blog o un sito web?

Si ho un blog: www.leideedisusy.wordpress.com vieni a trovarmi ogni volta che vuoi!

indirizzo e-mail: susy_romanelli@yahoo.it

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Non sono molto costante negli hobby e spesso mi faccio prendere da vere e proprie manie per tecniche nuove o che non avevo mai provato. In tutto questo provare e riprovare due cose non ho mai abbandonato: l'uncinetto e il chiacchierino... e i bijoux... e la pergamena... e la pirografia... e le perle a lume veneziane... ogni tanto provo a cucire... poi vorrei provare il traforo...

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

Ricordo bene di essermi innamorata di alcune riviste di uncinetto in edicola, cominciai a fare qualcosina dopo anni che non toccavo l'uncinetto. Quel centrino è ora sotto il telefono del mio ufficio... ed è orribile però a me piace un sacco. Dopo  quello sono tornata in edicola e ho scoperto le riviste di dècoupage, sulle riviste guardavo le pubblicità di altre tecniche e quando ho letto che c'erano delle fiere creative ho capito che non ero una mosca bianca... non sono più riuscita a staccarmi da nulla di tutto questo! E non ho intenzione di farlo per ora :-D

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Mi ricordo benissimo di alcuni lavoretti fatti all'asilo... a casa poi con una mamma sarta e un papà falegname ho respirato artigianato da sempre quindi pasticci e pasticcetti ne ho sempre fatti. Non so se sia innata o indotta questa vena creativa ma so per certo che va esercitata come tutte le cose che partono dalla testa.

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Conosco pochi artisti e tanti appassionatissimi hobbisti ed artigiani, è tutto molto bello e stimolante mi piace stare in loro compagnia.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

E' la mia valvola di sfogo, conta poco ma a tratti si rivela indispensabile!

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

gioia

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

ho chiesto alla mia collega non lo sa neanche lei :-)

Hai un sogno nel cassetto?

Si certo almeno due o tre ma sono di quelli che proprio non so se ce la faccio a realizzarli... se no che sogni sarebbero... vedremo :-)

Ombretta racconta la sua arte: pittura su sassi, origami e cartonage

 

Come ti chiami?

Ombretta

Qual è la tua città?

Abito nella provincia di Como

Che professione svolgi?

Sono una illustratrice editoriale, mi occupo di illustrare libri per bambini in età scolare e pre-scolare

Hai un blog o un sito web?

Ne ho diversi: il mio sito http://vasariah.jimdo.com

La mia pagina su facebook http://www.facebook.com/pages/manage/#!/pages/Vasariah-creations/151261154647

Il mio negozio on line http://vasariah.artesanum.com

indirizzo e-mail: ombryb@hotmail.com

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Ne ho molti, che variano dalla tecnica dell’origami al cartonage, ma quello a cui tengo particolarmente e che mi soddisfa di più è sicuramente la pittura su sassi. Per dipingerli uso i colori acrilici, e successivamente una vernice protettiva.

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

E’ nato tutto un po’ per caso. Mi sono avvicinata per la prima volta ai sassi dipinti circa 10 anni fa, da adolescente, dopo aver visto delle foto su una rivista. La mia prima creazione è stata un sasso fermacarte raffigurante delle primule gialle.

Ma circa un anno fa in una giornata veramente noiosa, mi sono chiesta se fosse stato possibile creare dei veri e propri gioielli con i sassi; ne ho forato uno, ed è nato un ciondolo in stile murrina, decisamente poco carino! Ma l’idea mi è piaciuta così tanto che non ho lasciato perdere (ora mi dico per fortuna) e così a poco a poco mi sono perfezionata sempre di più. Questo hobby, che al momento è quasi un secondo lavoro, mi da modo di esprimere una creatività che con il mio “vero” lavoro non posso sempre lasciare scorrere liberamente.

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Penso proprio che sia sempre stata dentro di me; amo il disegno e l’arte in tutte le sue forme, fin da bambina. Il mio gioco preferito in assoluto era una lavagna, con dei gessetti colorati!

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Ultimamente sto scoprendo che ci sono veramente tante persone che amano l’arte, la creatività, la fantasia; è bello sapere che viene ancora apprezzato tutto ciò che è artigianale. Credo però che lo spazio per l’artigiano sia troppo “limitato”, e che eventi come fiere, mercatini, mostre, siano ancora poche e poco pubblicizzate.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Sono fondamentali, senza di esse non potrebbe esserci nulla di ciò che faccio

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Sembrerà strano, ma le creazioni migliori vengono fuori quando sono molto arrabbiata o molto felice. Due emozioni contrapposte, che però aiutano molto l’artista che c’è in me! Questo fa capire che la creatività non nasce dal nulla, ci sono varie motivazioni alla base, date da situazioni del proprio vissuto, che portano sensazioni che si riversano nel momento della creazione. In un certo senso utilizzo il mio hobby anche come valvola di sfogo, sia in senso positivo che negativo.

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Non tollero la maleducazione, quindi cerco di essere il più rispettosa possibile verso gli altri, così come voglio che gli altri lo siano verso di me; sono una persona fortemente emotiva, quindi ho dei punti saldi come l’amore e la famiglia per i quali farei qualsiasi cosa pur di salvaguardarli. In ultimo ma non meno importante, ritengo di essere una ragazza umile, e questo mi porta ad essere disponibile verso gli altri, a saper ascoltare, e a non avere delle strane “manie di grandezza” che ritengo siano molto deleterie non solo a livello lavorativo, ma anche a livello personale.

Hai un sogno nel cassetto?

Ne ho moltissimi di sogni nel cassetto…arrivare a raggiungere una certa serenità interiore prima di tutto; materialmente poi, spero un giorno di poter vivere della mia sola arte, senza dovermi porre il problema di come arrivare alla fine del mese, e magari chissà, poter fare una mostra (di quelle proprio serie!) dei miei disegni e dipinti.

 

 

Vittoria racconta la sua arte: creatrice di costumi, parrucchiera e truccatrice, lavora sulle bambole

 

Come ti chiami?

Vittoria Porto, sono una donna transessuale di 46 anni

Qual è la tua città?

Milano, ma sono nata in Brasile, Paranà

Che professione svolgi?

Artista… in Brasile sono stata visagista per agenzie pubblicitarie e cinematografiche e televisione. Faccio spettacoli da quando avevo 6 anni.. ho lavorato nel circo, per Federico Orfei come trapezista, acrobata e contorsionista.. Ho lavorato nella più grande casa di spettacolo del sud del Brasile.. Sono carnevalesca, disegno e realizzo abiti di alta moda e in passato ho realizzato abiti per le scuole di samba e per miss trans.. in ogni cosa che faccio metto dentro l’arte, nella cucina, nell’arredo, nelle relazioni..in tutto.

Hai un blog o un sito web?

Si, www.vittoria-porto.blogspot.com

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Il mio hobby principale è vestire la più famosa modella al mondo…. La Barby! Vesto anche le Tayler..

Tratto le mie bambole come donne reali, anzi come figlie..

Quando vedo la bambola su ci lavorerò ho subito l’ispirazione.. Per cominciare spoglio subito la bambola, poi procedo con l’abito e divento stilista, sarta, ricamatrice e calzolaia.. Poi divento truccatrice e parrucchiera. Per finire divento gioielliere e infine.. l’ammiratrice.

Per gli abiti scelgo i materiali più pregiati, dal corallo alla resina della preistoria, l’ambra, cristalli, pietre dure, vetro, piume, perle, stoffe pregiatissime.. Do del mio meglio e ci metto tutta me stessa..

Per ogni bambola uso ingredienti che le rende veri porta fortuna: l’amore, la passione e la gioia che metto nel farle.. Questo le rende magiche.

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

La passione per le bambole è in me da quando ero molto piccola, ma se mio padre mi vedeva con le bambole erano botte.. Le mie prime creazioni risalgono a quando avevo 12 o 13 anni.. mia sorella faceva finta che fossero sue così papà non si arrabbiava.. le mie prime bambole erano tutte spose bellissime.

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Era già dentro di me, come un vulcano che aveva bisogno di eruttare..

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Fino ad ora nel mondo dei creatori di bambole ho trovato qualche ammiratore sincero, contento di aver conosciuto la mia arte, ma purtroppo nella maggioranza ho suscitato un po’ di invidia e poca sincerità.. E’ difficile per me farmi conoscere e diffondere le mie creazioni.. vorrei più apertura e più possibilità.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Sono tutto.

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

La magia dell’infanzia, la bambina che ho dentro di me prende forma, rivive e non vuole più andarsene..

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

La Sincerità - La Passione - La gioia di vivere

Hai un sogno nel cassetto?

Diventare una principessa come le mie barby…..

 

Angela racconta la sua arte: Bijoux, decorazioni in feltro e in lana cardata

 

Come ti chiami?

Angela Giorgi

Qual è la tua città?

San Donà Di piave, ancora per poco, mi trasferirò a  breve a Morciano di Romagna (provincia di Rimini) la mia città natale.

Che professione svolgi?

Insegnante scuola infanzia

Hai un blog o un sito web?

Sì ne ho due:

ARIABIJOUX :  http://ariabijoux.blogspot.com  dedicato alle mie creazioni di gioielli

SANAGRILLIA: http://sanagrillia.blogspot.com dedicato alle mie creazioni in feltro

indirizzo e-mail: ariabijoux@fastwebnet.it

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Il mio hobby preferito è creare gioielli, ed è quello che riscuote più successo, ma realizzo anche piccole decorazioni in feltro e lana cardata .

Realizzo gioielli utilizzando le tecniche più svariate, ultimamente sto sperimentando il wire: la lavorazione col filo metallico e il rame, mi da’ tanta soddisfazione perché questa tecnica lascia tanto spazio alla fantasia Spesso realizzo gioielli in chainmail, una tecnica poco conosciuta in Italia ma molto apprezzata all’estero soprattutto negli States e in Gran Bretagna. Da un anno e mezzo collaboro con la Rivista FASHION GEMS MAGAZINE un bimestrale italiano che si occupa di bijoux handmade, preparo tutorial di gioielli soprattutto in chainmail.

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

Ho avuto tre bimbi nel giro di tre anni e mezzo, necessariamente dovevo stare in casa per stare con i miei piccoli, un po’ mi annoiavo ed  allora ho cominciato ad intrecciare semplici anellini in swarovski. Ho avuto successo e piano piano ho cominciato a fare anche il ciondolino, l’orecchino il bracciale e così via e  mi sono perdutamente innamorata del bijoux hand made, da allora, ormai son 6 anni, non ho più smesso.

Il feltro e la lana cardata sono arrivati dopo ma mi appassionano tantissimo, con questi materiali si possono fare, veramente, tantissime cose dalle decorazioni ai gioielli a quant’altro viene  in mente.

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Son sempre stata una sognatrice piena di fantasia sin da bambina. Ho ereditato la  manualità  da mia nonna e mia madre;  l’una era bravissima a realizzare centrini, cappellini, vestitini con l’uncinetto e fare fiori con gli scovolini ( originalissimi !), l’altra espertissima nel cucire abiti alle propria figlie. Mi è sempre piaciuto pasticciare, creare e disegnare, avevo ottimi voti in arte . Il tempo ha allargato i miei orizzonti .

Internet è stato fondamentale perché è da qui che ho imparato tutte  le tecniche per creare  i miei gioielli, sono un autodidatta, non ho fatto  tanti corsi, ho imparato dal mondo del web .

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Se parliamo del  mondo del web, che è vastissimo, si trovano dei veri e propri talenti.Il mio giudizio è più che buono

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Tantissimo ! Non potrei fare a meno di creare e sperimentare, ormai fa parte del mio quotidiano .

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Un fortissimo entusiasmo, un grande appagamento e una grossissima soddisfazione.

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

L’amore per la  famiglia in primis; il rispetto per ogni persona, ognuno al mondo ha valore, credere nelle proprie capacità, se vuoi puoi!

Hai un sogno nel cassetto?

Sì aprire un negozio di hobbistica a mio modo perdedicarmi ancor di più alla creatività.

 

  Paola racconta la sua arte: Nursery Angeli dei sogni - bambole rinate con la meravigliosa tecnica del REBORNING

 

Come ti chiami?

Paola Costa

Qual è la tua città?

Siena

Che professione svolgi?

Elaborazione di progetti sociali, sono educatore professionale

Hai un blog o un sito web?

www.angelideisogni.blogspot.com

indirizzo e-mail: petronilla2@hotmail.it

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Ho iniziato da giovanissima dipingendo olio su tela, adesso da circa 4 anni realizzo bambole reborn, eseguo il reborning con colori genesis a cottura e acrilici su vinile

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

Ho visto le prime reborn in internet su e-bay, ne ho acquistate alcune per mia figlia e sono rimasta affascinata dalla loro bellezza e dal loro realismo, quindi mi sono documentata e ho deciso di iniziare a realizzarle

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

In famiglia siamo artisti da generazioni, il mio bisnonno era un pianista, mio padre poeta e pittore

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Competitivo ma molti grandi talenti

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Fondamentale viviamo di questi elementi

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Quando realizzo bambole ritorno al profumo dell'infanzia di mia figlia, alla sua dolcezza e al suo amore

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Lealtà, altruismo, amore incondizionato gioia e gratitudine per il mondo e la vita che ci è stata donata

Hai un sogno nel cassetto?

Crescere mia figlia donandole tutte le gioie e le meraviglie che si merita

    Simonetta racconta la sua arte:  il meraviglioso mondo degli abiti da sposa e non solo ...

Come ti chiami?

Simonetta Sabatucci

Qual è la tua città?

Teramo di adozione…..in realtà sono torinese

Che professione svolgi?

Designer

Hai un blog o un sito web?

Due..uno dedicato al design www.simonettadesign.it e uno ai miei hobby www.ideeapuntocroce.it

indirizzo e-mail: syra1974@alice.it

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Disegnare abiti, ricamare a punto croce, decoupage, pittura….

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

Disegnare abiti per me non è un hobby ma un vero e proprio lavoro a cui dedico tempo e passione…Disegno i miei abiti seguendo la mia aspirazione artistica e gusto per il bello….I miei figurini non sono bozzetti appena accennati e troppo stilizzati, ma disegni accurati nei particolari. Questa passione è nata appena quattordicenne….terminato il liceo mi sono iscritta a Torino ad una scuola professionale d’arte e moda e mi sono diplomata come stilista-figurinista. Mi occupo anche di ricamo a punto croce (www.ideeapuntocroce.it), nel sito infatti si possono trovare tantissime mie creazioni, dai quadri alle tovaglie, agli schemi per punto croce, ma troverete anche le mie creazioni a decoupage, e i miei disegni di fatine, alle quali mi dedico nel tempo libero….

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Sono già nata con il talento artistico….Mia madre, infatti, ricorda che quando tornava dal lavoro, mi trovava a 4 anni seduta su un tavolo che coloravo disegni

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Creativo…..è pieno di giovani talenti e designer che esprimono con fantasia e gusto le proprie capacità….

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

E’ fondamentale….Il banale alla fine stanca un po’ tutti……

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Cerco di immaginare i miei abiti che sfilano in passerella……tutto il resto, durante la creazione, avviene in modo spontaneo….come se la mia mano facesse tutto da sola…

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Sincerità, tenacia, onestà

Hai un sogno nel cassetto?

Diventare una celebre designer ovviamente…                            CLICCA  SULL'IMMAGINE QUI SOTTO PER VISUALIZZARE IL VIDEO DEI MODELLI

 

Valentina racconta la sua arte: un mondo di bijoux

Come ti chiami?

Valentina Laforgia

Qual è la tua città?

Noci

Che professione svolgi?

Sono laureata in Economia Aziendale, con un master in General Management, e vorrei lavorare in banca.

Hai un blog o un sito web?

Si,un blog. Ecco il link: http://valecreazioni-picicia24.blogspot.com/

indirizzo e-mail: valecreazioni@libero.it

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Adoro creare gioielli(collane,bracciali,orecchini)utilizzando tecniche che invento al momento colta dall’ispirazione.

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione.

I gioielli mi sono sempre piaciuti,e proprio da questa passione è nata la voglia di crearne con le mie mani di personalizzati. La mia prima creazione è stata una collana lunga fatta con le perle bianche,l’onice,il cristallo e il metallo.

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

La vena creativa è sempre stata presente in me,ma con il tempo si è affinata ed è maturata.

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Tutto è arte se guardato con occhi contemplativi. Anche un filo d’erba al vento può ispirare la mano di un pittore.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Sono entrambe importantissime. Infatti oltre a coltivare l’hobby del gioiello sono una lettrice appassionata e una scrittrice esordiente alle prese con due romanzi che spero di pubblicare presto.

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Nella mia mente vedo l’immagine nitida di quello che voglio realizzare,e mi carico di energia scoppiettante all’idea di adoperarmi per trasformare quel pensiero in qualcosa di tangibile.

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Fedeltà, Lealtà, Rispetto

Hai un sogno nel cassetto?

Pubblicare i miei romanzi

  Mara racconta la sua arte:  il favoloso mondo del Decoupage e delle decorazioni

Come ti chiami?

Mara Turra

Qual è la tua città?

Brescia

Che professione svolgi?

Ero un insegnante di Scuola Media, ora ho tutto il tempo che voglio per dedicarmi ai miei hobby

Hai un blog o un sito web?

Ho un sito web da un paio d’anni: www.maraturra.com

indirizzo e-mail: info@maraturra.com

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

A me piace tutto quanto riguarda una manualità creativa, non amo le cose ripetitive. Il mio hobby è la decorazione realizzate con le più svariate tecniche dal decoupage pittorico, alla decorazione del mobile, dalla realizzazione di trasferimenti d’autore su tela alla composizione di quadri materici, dall’acquerello alla pittura su porcellana.

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

Era l’ormai lontano 1998, passeggiando il centro storico di Marostica, durante un’escursione, ho notato nella vetrina di un colorificio degli oggetti in vetro realizzati con la tecnica del tovagliolino di carta. E’ stato un amore a prima vista: alcune informazioni date dalla rivenditrice, l’acquisto dei prodotti necessari e di un libretto scritto in tedesco (fortunatamente mio figlio ha studiato questa lingua). Ho passato tutta l’estate a provare, sperimentare, fare e disfare, ma a settembre erano pronte una serie di creazioni: dei vassoietti in vetro con incollati sotto dei tovaglioli. Mi piaceva in particolare la trasparenza dell’immagine che dava l’impressione di un vetro serigrafato. E’ stato un successo!

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Con l’impegno e la costanza si può imparare la tecnica, ma la creatività non si può acquisire, è una cosa innata.

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Come in tutti gli spazi in cui devi confrontarti con altri, trovi persone disponibili, collaborative, ma anche chi cerca solo di copiare e sfruttare le tue ricerche.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Creatività e la fantasia sono gli aspetti fondamentali nel settore decorativo. Quello che cerco di trasmettere alle mie allieve è cercare di essere originali: la carta da decoupage per esempio è uguale per tutti, ma ognuno cerchi di impostare la composizione secondo la propria prospettiva e il lavoro si differenzierà per la sua unicità. Osservare il lavoro dell’insegnante o leggere riviste di settore deve rappresentare solo fonte

d’ informazione, non di copiatura.

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

La sensazione che stai creando qualcosa che è unico è meravigliosa; le tue mani, il pennello fanno prendere forma alle tue idee, materializzano quello che hai pensato. E poi ti senti fuori dal tempo: scorre senza che tu te ne accorga.

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Rispetto del lavoro. Voglia di crescere documentandomi, sperimentando, cogliendo gli imput da tutti e ovunque. Pignoleria non vista in senso negativo, ma come antitesi al pressapochismo, al fare tanto per fare

Hai un sogno nel cassetto?

Molti dei miei sogni si sono già avverati: scrivere per riviste di settore, avere una rubrica radiofonica tutta mia, anche se per una radio locale, colloquiare con gente di tutto il mondo attraverso il mio sito web, avere l’affidamento del progetto sul trasferimento d’autore a livello nazionale da parte della Ferrario, azienda di cui faccio parte come dimostratrice, ricevere un grazie da parte delle mie allieve, leggere lo stupore sul volto di chi ammira una tua creazione.

Che altro potrei sognare?

  Francesca racconta la sua arte:  Manifattura artigianale -  accessori unici  e non solo
 

Come ti chiami?

Francesca Tagè

Qual è la tua città?

Per lavoro principalmente Roma, (napoletana d'origine).

Che professione svolgi?

Fashion Designer, Artigiana, Pittrice.

Hai un blog o un sito web?

www.francescatage.com

indirizzo e-mail:  comunicazione1@hotmail.it

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Adoro sperimentare e mixare materiali e tecniche differenti. I contrasti mi hanno sempre affascinata. Oltre a dipingere, che mi mette in sintonia con il mondo, adoro plasmare i tessuti con le sole mani, a dimostrazione che il Made in Italy è anche un guizzo d'ingegno che nasce da gesti naturali, proprio dall'uso delle mani...

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione.

Da bambina frequentavo lo studio d'Arte di mio zio: lui, severissimo, mi correggeva ad ogni disegno. Disegni, collage, poi quadri ad acquerello e poi disegni con la china nera. Era il mio mondo, da sempre, ed ora è la mia professione.

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

A sei anni già facevo le prime mostre e vendevo tutti i miei quadri. E' un ricordo nitidissimo che mi accompagna giorno per giorno.

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Sono sorpresa da molti giovani artisti che si mettono in gioco e creano “quello che non c'è”. Gli scrivo subito per comunicare quanto sono bravi, senza invidie. Quando si crea senza copiare, bensì traendo ispirazione, frutto di una curiosità non solo per la moda, ma per tutto ciò che circonda, l'idea non può che venir fuori, prepotente.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Sono nel dna di alcuni, ma non di tutti.

Per me è un déjà-vu. Ciò che creo sono immagini potenti già nella mia mente, che hanno bisogno di realizzarsi appieno, attraverso le emozioni di chi le indossa.

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Il fatto che già veda la creazione in sé, che una mia borsa “possa vivere” assieme alla donna che decide di averla tutta per sé.

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Il rispetto, la coerenza, il coraggio.

Hai un sogno nel cassetto?

Un anonimo scrisse: “Non sognate, ma realizzate imprese che fanno sognare”. Trovo che questa massima passi dall'Io …. al Noi.

 CLICCA  SULL'IMMAGINE QUI SOTTO PER VISUALIZZARE IL VIDEO

  Giada racconta la sua arte: accessori  artigianali  (borse, collane, cappelli e non solo)

Come ti chiami?

Giada Cortellini, è il mio nome reale e da creativa…

Qual è la tua città?

Mamma Lazio e Papà Abruzzo, la Sicilia mi ha accolto tra le sue braccia con Amore…sì, l’Amore mi ha rapita e mi ha portata in quest’Isola meravigliosa…

Che professione svolgi?

Disegno e realizzo borse e accessori moda praticamente a tempo pieno, l’università è diventata un hobby…

Hai un blog o un sito web?

www.giadacreazioni.com il mio negozietto virtuale… e http://giadacreazioni.blogspot.com/

indirizzo e-mail:  info@giadacreazioni.com

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Come dicevo prima, creare per me sta diventando sempre più la mia vera attività, tra gli hobby ci sono lo studio di lingue alla Sapienza di Roma, il disegno, la fotografia, la scrittura, tutte attività che hanno a che fare con la creatività. Per le mie creazioni utilizzo soprattutto l’uncinetto ma sempre abbinato ad altre tecniche e/o materiali come l’intreccio di fili, metalli, inserti di perle o pietre dure, ma in generale amo sperimentare e ricercare sempre nuove tecniche per realizzare le mie borse e i miei accessori…sì amo realizzare cose utili da indossare e da portare sempre con sé, che abbiano un’ utilità e una funzione, perché mi piace utilizzarle, renderle parte attiva nella vita di tutti i giorni…

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

Avevo 6 anni quando mia mamma ha creato all’uncinetto un vestitino rosso di lana per la mia Barbie… Da allora le ho chiesto di insegnarmi l’ABC (lei conosceva solo quello) e poi ho proseguito da sola, sbagliando, inventando e stressando le signore più anziane del paese perché mi insegnassero, ma posso veramente dire di aver imparato sbagliando e solo dopo leggendo… La mia prima creazione proprio non la ricordo, forse era un portapenne di lana color panna con tanti bottoni colorati e diversi tra loro cuciti sopra, lo usavo a scuola e tutti mi guardavano strano ma io ero così soddisfatta e felice di utilizzare una cosa originale creata con le mie manine…

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Credo che mio padre, che dipinge e scolpisce fin da bambino e ama la poesia e la fotografia, mi abbia influenzato, ma credo anche di somigliare moltissimo a lui. Io non dipingo, al massimo disegno, e non scolpisco, così come lui non fa l’uncinetto, ma penso di avere sempre avuto la sua stessa necessità di creare, inventare e sperimentare, dovevo solo trovare una tecnica che mi fosse più congeniale per esprimermi e forse l’ho trovata...

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Lavoro da sola e non conosco molte persone creative, almeno nella vita reale, ma fortunatamente grazie ad internet ho potuto conoscere diverse creative e condividere e scambiare con loro idee e trovare nuovi stimoli. Credo che le nostre mani siano una miniera d’oro e al giorno d’oggi possono essere una salvezza se si riesce a servirsene nel modo giusto, ma a prescindere da questo, chi sa creare con le proprie mani ha una grande fortuna che lo riempirà di soddisfazione.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Sono fondamentali! Non saprei vivere di bianco e nero, né di linee verticali e orizzontali, mi viene naturale reinventare ciò che mi circonda cercando sempre nuove possibilità e combinazioni. Diciamo pure che il mio lavoro è molto più lineare e monotematico di quanto vorrei: sono più le cose che ho creato nella mia mente e che non ho ancora avuto il tempo di concretizzare che quelle che effettivamente riesco a realizzare, e questo a causa dei lavori su commissione, richieste particolari che fanno sempre piacere ma che inevitabilmente rubano tempo alla creatività.

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Innanzitutto quando ho un attacco creativo mi isolo e intorno a me non esiste più niente, mentre creo sono completamente assorta e concentrata, finché non completo l’opera sono in tensione, ma appena l’opera è finita provo un gran sollievo.. Creare per me è proprio come un parto, una sofferenza che precede un’infinita gioia e soddisfazione, ma non faccio in tempo a rilassarmi che subito ho una nuova idea (che spesso devo mettere in stand by) e si riparte…

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

La sincerità, la sensibilità e l’umiltà.

Hai un sogno nel cassetto?

Avevo tanti sogni nel cassetto, ma oggi sento di aver realizzato qualcosa di più importante per me che consiste nel creare e comunicare ciò che ho dentro, in modo del tutto autentico, libero e immediato. E poi vedere le persone apprezzare e indossare le mie creazioni è una gioia indescrivibile! Anche la mia vita personale mi dà tante soddisfazioni, quindi posso dire che nei miei sogni mai avrei immaginato di poter essere più felice e serena di quanto sono oggi. Sono un’ottimista di natura e credo nella cromoterapia e nel potere curativo e catartico dell’atto creativo in sé.

 

 

  Paola racconta la sua arte: il mondo di pietra di Paola, ritratti e sassi dipinti

 

Come ti chiami?

Paola Capponi

Qual è la tua città?

Sono nata alla Spezia, ma attualmente abito appena fuori città a San Benedetto (Riccò del Golfo)

Che professione svolgi?

Sono insegnante di educazione fisica

Hai un blog o un sito web?

Il mio sito è www.ilsassonelpozzo.it e il mio blog http://laspiaggiadeisassi.blogspot.com ho anche una pagina su facebook che si chiama Ritratti di pietra

indirizzo e-mail:  ilsassonelpozzo@libero.it

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Il mio hobby è la pittura sui sassi, ma dipingo anche altri materiali come legno, terracotta e lastre di pietra.

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

Molti anni fa sono rimasta affascinata dalla possibilità di dare “vita” ai sassi dipingendo degli animali, sfogliando il libro della Wellford che allora era appena uscito in Italia. La mia prima creazione dopo le classiche coccinelle è stata una gatta tricolore che tengo ancora come ricordo e che mostro a chi mi chiede come ho iniziato per far capire che nella vita non bisogna mollare, ma che con la pratica e la costanza si ottengono sempre dei buoni risultati!

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Ho sempre disegnato, fin da quando la memoria mi assiste. Mi ha insegnato mai nonna materna che era bravissima (ho ancora qualche suo disegno) e mio padre che aveva le classiche “mani d’oro”!

Purtroppo per motivi pratici non ho potuto frequentare il liceo artistico che allora non era nella mia città e così ho scelto ragioneria, dopo ho seguito la mia passione sportiva e sono diventata insegnante di educazione fisica (ISEF), ma questa scelta anche se mi è sempre piaciuto il mio mestiere, non mi ha permesso di coltivare a fondo quello che veramente mi sarebbe interessato e cioè dipingere e disegnare….Tutto ciò che ho fatto l’ho fatto da sola, ritagliandomi tempo tra una lezione di ginnastica e un’altra, comprando libri e manuali e ultimamente anche con l’aiuto di internet!

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Se intendi l’ambiente dei sassi dipinti ti devo dire che ho tante amiche che dipingono e devo ringraziare internet che mi ha permesso di conoscerle e apprezzarle!!

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Importantissime tutte e due!!!

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Sono una persona tendenzialmente insicura e ansiosa anche se ho la fortuna di avere un carattere allegro e quindi passo dal panico iniziale all’euforia finale se il lavoro mi soddisfa!!

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Onestà, costanza e pazienza.

Hai un sogno nel cassetto?

Più d’uno…..:o)                                                            CLICCA  SULL'IMMAGINE QUI SOTTO PER VISUALIZZARE IL VIDEO

 

                                                                          

 

 Monica racconta la sua arte: hobby bijoux - gioielli, idee, moda

 

Come ti chiami?

Monica Mallardo

Qual è la tua città?

Capua in provincia di Caserta

Che professione svolgi?

Attualmente sono impiegata partime presso una società privata,

l'altra mezza giornata lavoro in un call-center e 2 sere max a settimana

sono baby-sitter ( cosa non si fà per campare ) :) 

Hai un blog o un sito web?

Si ho uno spaces.live

orgogliosissima di presentarvelo :)

http://ibijouxdimonjka.spaces.live.com

indirizzo e-mail: ibijouxdimonjka@hotmail.it

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

In assoluto il mio hobby preferito è quello di creare gioielli, in particolar modo adesso mi dedico al tissage-peyote, una tecnica abbastanza elaborata che richiede molta pazienza e credo anche un pò di esperienza

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

Al lavoro, una mia collega indossava un bellissimo anello realizzato con i bicono swarovski, me ne innamorai subito e quando le chiesi dove lo avesse acquistato, mi disse che li realizzava una sua amica..... a quel punto mi decisi.... voglio provare a farlo anch'io!!!! pensando a quanta soddisfazione mi avrebbe dato, ma soprattutto a quante bellissime altre creazioni mi sarei potuta regalare.... fu così che corsi in edicola ad acquistare il mio primo giornale di perline,provai a fare il primo anello e dopo diversi tentativi ci riuscìì.... non sapete che soddisfazione!!!!

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

E' stata sempre presente sin da bambina.... partecipavo anche a dei piccoli concorsi di disegno e ne uscivo quasi sempre vincente... poi ho proseguito frequentando la scuola d'arte e mi sono appassionata un pò a tutto, pittura, realizzazione di candele, pasta al sale, decorazioni.... fino ad arrivare alla realizzazione di bijoux  a cui mi dedico ormai totalmente

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Inizialmente quando ho iniziato a creare bijoux, mi sono trovata molto in difficoltà perchè non conoscevo nessuno che amasse questo hobby, per un confronto, un giudizio o per uno scambio di idee, ma non  solo ....

dalle mie parti non esiste  negozio che vende materiale per bijoux, nè tantomeno conoscono le delicas, le perline che si utilizzano per lavorare il tissage.... poi quando ho deciso di aprire il sito e navigando nel web, ho scoperto che il mondo è pieno di persone creative e negozi online, ho conosciuto una marea di ragazze che hanno il mio stesso hobby, e devo anche a loro tutto quello che fino ad oggi sono riuscita a fare!!!!

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Secondo me è fonte di vita, tutti ci nascono, poi sta a te svilupparla o meno.....

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Io sono innamorata del mio hobby, non c'è giorno in cui non dedico almeno un paio d'ore, e quando lo faccio niente e nessuno può distogliermi dalla mia creatività.... sono ore di passione e amore e se potesse essere un lavoro farei con gioia gli straordinari :)

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Vediamo.....

1 decisamente solare, sono proprio allegra di natura e ottimista;

2 sono un accanita animalista;

3 ho la perlinite :)

Hai un sogno nel cassetto?

Solo uno??? :D beh'!!! Ovviamente come tutte le hobbyste del settore, far diventare questa passione un lavoro ( questo è scontato!!! )

ma in assoluto vorrei realizzarmi in tutti gli effetti e avere una famiglia tutta mia ... con la speranza che fra un paio d'anni questo sia possibile :)

 

  Giuliana racconta la sua arte:  patchwork, decoupage e decorazioni in generale

 

Come ti chiami?

Giuliana Sergio

Qual è la tua città?

Napoli

Che professione svolgi?  

Sono una giovane pensionata

Hai un blog o un sito web?

Sì, www.Giulianartigianato.it

indirizzo e-mail: info@giulianartigianato.it e su Faceebook “ La Vetrina delle Idee” mentre sul sito hobby&art, e sul portale Hobbydonna le mie esposizioni.

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Ho iniziato col Patckwork senz’ago, poi col decoupage fino a spaziare con tutte le tecniche decorative e creative, utilizzando di tutto.

Anche i materiali più strani e di rifiuti che gettiamo giornalieri, tipo: bottiglie di plastica, tappi e ghiere di essi, lattine di pomodoro o altro, bottiglie o damigiane di vetro, ecc. ecc. E poi dipende da ciò che mi viene in mente di fare per decidere che tecniche usare: dal pittorico, al disegno, al decoupage, al modellismo o altro.

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

Ho sempre avuto già da ragazza la vena creativa e mi piaceva disegnare, ma nel 2006 persi il mio posto di lavoro e da lì iniziai a lavorare di più su questo mio hobby frequentando una scuola di arte creativa per 5 anni per imparare tutte le tecniche creative e decorative. Dopo di che ho iniziato a spaziare con le mie idee. Non ricordo bene quale è stata la mia prima creazione in questo momento, anche perché fino ad oggi né ho fatte talmente tante e che poi molti dei miei lavori  sono stati venduti. Ed è proprio grazie a questo, che cerco di arrotondare le mie entrate, altrimenti non potrei più vivere con una misera pensione di 450euro al mese, con un mutuo che debbo finire di scontare, bollette e tutto quanto non ti possa raccontare. Ma non sempre mi va bene, vorrei vendere di più, altrimenti non c’è la faccio ad andare avanti. E anche per questo motivo cerco di aiutarmi a pubblicizzare i miei lavori sul web.

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Si, l’ho capito quando disegnavo, ma è sempre stata repressa perchè non avevo né tempo né modo per potermi avvicinare, sia per problemi di lavoro ed esistenziali.

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Non saprei, né vedo di tutti i colori, ma ciò che ti posso dire è che ogni creazione artistica è personale, ed è ciò che si vuole esprimere secondo lo stato d’animo della persona. Qualcuno magari ha cercato di copiare una mia creazione in modo orrendo perchè fatta male, affiancandola alla mia, in una delle mie esposizioni fieristiche tagliandomi la vendita.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Molto! Perché l’idea ti viene dal cervello, ed il mio è sempre in attività. Tanto è vero che nemmeno la notte sta fermo perchè dormo poco. E quando crei qualcosa ci deve essere la passione, l’espressività, la pazienza per farlo bene, e allora si esprime tutta la fantasia in ciò che si sta creando; non tanto per fare.

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Quello di rivivere ciò che ho pensato di creare, e che man mano che prende forma mi accanisce sempre di più, divertendomi, e magari anche ridendo, ( è un aggettivo che uso poco nella vita quotidiana)  mi rilasso e penso solo ciò che sto facendo e la mente divaga solo in questo. Spesso mi fermo per guardare da lontano quel che ho creato, per poi farmi un autocritica  su discrepanze o imperfezioni.

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Fede nell’amicizia con chi merita, altruista, generosa, ma anche orgogliosa, di carattere un po’ autoritaria e collerica, odio le persone che provano invidia o gelosia perchè offusca il cervello emettendo solo cattiverie.

Hai un sogno nel cassetto?

Si. Spero di poter portare in auge la mia associazione culturale di artigianato, collezionismo, oggettistica e antiquariato. E anche di insegnare; magari in qualche scuola,

o effettuando più lezioni private, per scrollarmi un po’ di problemi. Ma mi piacerebbe anche aprire un centro culturale nella mia zona, dove poter fare lezioni a tutti gli associati, magari anche con collaborazioni di altre serie insegnanti, per spaziare in tanti temi dell’arte creativa e decorativa. Sì, perchè nella mia zona c’è anche chi si improvvisa insegnante di decoupage solo perchè  possiede un negozio di pittura per muratori e vende anche alcuni articoli di decoupage, senza mai aver avuto esperienze in merito.

 

Marina racconta la sua arte: bijoux, pasta di mais e non solo ...

Come ti chiami?

Marina

Qual è la tua città?

Bari

Che professione svolgi?

Mi dedico ai miei hobby quasi a tempo pieno, e sono una baby sitter.

Hai un blog o un sito web?

Si certo, http://creativa80.blogspot.com

indirizzo e-mail: mergirl@libero.it

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Non ho un solo hobby, nel tempo mi sono appassionata a varie tecniche, tra cui la pasta di mais, il fimo, il prosculpt, la realizzazione di bijoux, decorazione di tegole, creazione di presepi e decorazioni natalizie.

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

La scoperta degli hobby è stata casuale e non immaginavo che dopo anni ne sarei diventata cosi appassionata, mi è stato regalato un libro sulla pasta di pane da adolescente e la voglia di provare è stata subito tanta che dopo 15 anni è diventata per me una vera e propria necessità.

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Probabilmente la mia vena creativa è sempre stata in me dato che già da piccolissima alle scuole elementari la maestra ci faceva sperimentare con l'argilla e la cartapesta e mi piaceva moltissimo, poi il mio desiderio di creare è ricomparso anni dopo.

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Per quanto riguarda la mia città, gli hobby creativi e l'artigianato in genere non sono molto apprezzati e capiti, spesso vengono preferiti oggettini in serie di plastica, questo è abbastanza demoralizzante per il proprio lavoro e tempo. Bari non è proprio una città artistica, la difficoltà maggiore a volte è proprio nel reperire i materiali anche i più semplici, e non ci sono corsi per imparare, nessuno che abbia voglia di tramandare la propria arte ad un giovane ed è davvero un peccato.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Oggi posso dire che sono due fattori fondamentali per me e che fanno parte del mio essere, non riesco a stare più di qualche giorno senza creare qualcosa, ogni cosa può ispirarmi e la mia mente è sempre piena di idee e progetti creativi.

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Direi un grande benessere generale, mentale soprattutto, un senso di pace e serenità.

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Tenacia, onestà, rispetto.

Hai un sogno nel cassetto?

Più di uno, ma non moltissimi ho sempre i piedi per terra....sogno una piccola bottega tutta mia e che questo diventi un lavoro definitivo per me.

 

Grazia racconta la sua arte: decoupage e non solo ...

Come ti chiami?

Grazia Rossi     

Qual è la tua città?

Orsago (TV)

Che professione svolgi?

Pensionata

Hai un blog o un sito web?

Ho un sito web: http://www.alfavictor.info/babette/

indirizzo e-mail: grazia.vitiello@email.it

Su quest’altro sito ho messo in vendita alcuni degli ultimi lavori che ho fatto: www.hobbyart.com

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Il mio hobby è la fantasia espressa a 360°. Per me tutto può diventare qualcosa di diverso ed esprimere un sentimento o un mio stato d’animo.

Ho iniziato circa dieci anni fa col decoupage, via via provando, sperimentando ed eventualmente eliminando tecniche che non mi soddisfacevano.

Io uso un po’ tutte le tecniche secondo l’oggetto che vado a decorare: decoupage semplice, decoupage pittorico con acrilici, con pigmenti, con matitoni ad olio con porporine all’alcool o olio di lino, finto affresco, decoupage sopra o sotto stencil, stencil, ombreggiature con colori all’alcool, decorazione del vetro tipo tiffany.

Ora mi sto dedicando alla pittura country e painting country e mi sto avvicinando alla pittura per ora copiando da immagini poi si vedrà….

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

La mia creazione è stato un grande piatto di rame con contorni di nasturzi.

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

No, un po’ c’è sempre stata ma la vita di mamma tanti traslochi non mi hanno lasciato lo spazio necessario,

poi un giorno ho comprato il primo numero di una rivista di decoupage e scattata una molla e non mi sono più fermata

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Questo è un piccolo paesino e personalmente non ho modo di confrontarmi personalmente con altri artisti, anche se chiamarmi cosi mi sembra un po’ eccessivo

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Se non l’hai nessuno può insegnarti ad averle, è tutto per poter far diventare una macchia su un piatto in uno stagno con le ochette(vedi foto)

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Gioia se riesco ad esprimere totalmente quello che la mia immaginazione mi va vedere con la mente

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Onestà, sincerità, senso del dovere

Hai un sogno nel cassetto?

Si, aprire un mio laboratorio dove poter insegnare  

 

Daniela racconta la sua arte: Decoupage, bijoux, brick stitch e altro ancora ...

Come ti chiami?
Daniela Palermo
Qual è la tua città?
Roma
Che professione svolgi?
Ho una pasticceria io sono la banchista e l'addetta al confezionamento e il mio compagno è il pasticciere.
Hai un blog o un sito web?
Tutti e due:
http://diamantya.blogspot.com   http://www.diamantya.com

indirizzo e-mail: dya@diamantya.com

Ho aperto prima il sito poi per la mia passione di esprimermi e confrontarmi ho voluto aprire anche il blog.

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?
Per me la creatività è un hobby, mi piace fare di tutto dal decoupage ai bijoux in varie tecniche, mi piace creare con il prosculpt e le paste polimeriche in generale.
Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione
Ho iniziato con il decoupage per caso  in un mio periodo di crisi e mi ha aiutato molto a ritrovare me stessa . La mia prima creazione è stata una scatolina in legno decoupata per la stagione estiva con il mare, la sabbia e i gabbiani.
La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?
La creatività è sempre stata viva dentro di me, da quando ero bambina, nei miei primi pasticci con il das, poi l'uncinetto, la maglia e mia zia è stata la più grande insegnante e scopritrice di questa mia fantasia.
Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda
Posso definirlo solo così...."Gioie e dolori!!".
Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?
Se non l'avessi non sarei io.
Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?
Mi sento come se davanti a me avessi la persona che amo di più al mondo...una gioia infinita.
Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano
Testarda, leale, fedele.
Hai un sogno nel cassetto?
Si e credo che lo abbiano molte di noi creative, quello di aprire un laboratorio di artigianato tutto mio e prima o poi ci riuscirò.

 

 

Liana racconta la sua arte: restauro e restyling di manufatti lignei

 

Come ti chiami?

Liana Di Nardo

Qual è la tua città?

Roma

Che professione svolgi?

Restauro e restyling di manufatti lignei

Hai un blog o un sito web?

www.restauroerestyling.com oppure www.restauroerestyling.blogspot.it

indirizzo e-mail: info@restauroerestyling.com

Qual è il tuo hobby? Quali tecniche utilizzi per le tue creazioni?

Creare e restaurare soprattutto con lo Shabby Chic

Raccontami come ti sei accostata a questo hobby e quale è stata la tua  prima creazione

In realtà ho iniziato con il decoupage come tante, poi ho iniziato a dare un aspetto nuovo ai vecchi mobili di casa miei e dei miei conoscenti, con lo Shabby Chic ossia con la tecnica “rovinato è bello” . Poi sono riuscita a specializzarmi con un corso professionale per sole donne, nel restauro di mobili e manufatti lignei, e ciò mi ha aiutata nelle tecniche del recupero.

La vena creativa era già viva dentro di te o l’hai scoperta col tempo?

Diciamo che sin da piccola amavo colorare, disegnare, creare ecc.

Un giudizio sull’ambiente artistico che ti circonda

Non ho conoscenze di ambienti artistici, diciamo anzi che colgo la mancanza di un anello di congiungimento tra le arti manuali e l’arte in genere.

Quanto è importante per te la creatività e la fantasia?

Tanto ma mi piace anche osservare ciò che mi circonda e fargli prendere vita.

Quali sono le emozioni che più ti pervadono mentre la tua fantasia prende forma?

Soddisfazione nel sapere che si tratta di una creazione unica nel suo genere

Dimmi almeno tre valori importanti che ti caratterizzano

Semplicità, precisione, lealtà

Hai un sogno nel cassetto?

Talmente grande che dubito un giorno possa uscire: un agriturismo, in contatto con la natura, gli animali, le persone amanti di tutto questo e un angolo con un laboratorio artigianale.

 


 

 

Nei prossimi giorni inserirò altre interviste ... a presto ...Ciao ...Mary

 

 

 

Home page

Sito creato e gestito da mary@nosolofiori.com Copyright©2004 di nonsolofiori.com

Tutte le foto dei lavori e il contenuto che trovate in questo sito Web,
sono di proprietà dell'autrice e protetti dalle leggi sul Diritto d'Autore.
Chi volesse scaricare alcune fotografie per uso pubblico, no-profit e' pregato di scrivere all'indirizzo mary@nonsolofiori.com